Saluti e baci.

Non sono mai stata una persona espansiva. Non mi lascio andare ad effusioni o plateali dimostrazioni d’affetto. Si potrebbe dire che in un’ipotetica scala di misurazione del calore umano la mia posizione sia nel freezer, tra un bastoncino di pesce surgelato e un gelido pezzo di ghiaccio.

È quindi, probabilmente, per questo motivo, per questa mia specialissima qualità umana, che mi trovo in difficolta perfino quando si tratta di saluti, baci e abbracci.

Ho sempre trovato stupida la pratica sociale di salutarsi tra amici dandosi i bacini sulla guancia, ogni volta che ci si vede. Spero sempre di scamparmela, o che prima o poi qualcuno inizi a pensarla come me e si renda conto dell’inutilità del gesto, che basti il mio ciao da lontano, o almeno, che legga nel mio sorriso e nel mio sguardo l’equivalente di un caloroso saluto e, soddisfatto, passi oltre. Credo che a un’osservazione attenta dei miei movimenti, non possa sfuggire con quanta riluttanza mi muova in queste situazioni. Salvo rare eccezioni (non ci vediamo da almeno tre mesi), l’iniziativa non parte mai da me; se sono seduta, non aspettatevi che sia io la prima ad alzarsi. Non c’è niente di spontaneo, né naturale, nelle mie movenze; braccia, busto, gambe, collo, occhi, tutto il mio corpo sembra riflettere la mia titubanza. Le mani diventano il problema più grande, la maggior fonte d’imbarazzo. Con le donne si risolve facilmente: avvicino le guance e il gioco è fatto. Nelle manifestazioni maggiori di affetto le mani possono anche andare sulle spalle e abbozzare un abbraccio.

Gli uomini, invece, ti spiazzano. Sempre.

Potete cortesemente stabilire un codice standard, valido per tutte le occasioni, da applicare ogni volta che salutate? Sì, perché a volte ti danno la mano e a volte i baci sulle guance e a volte l’uno e l’altro ma mai contemporaneamente o con un unico gesto inequivocabile, no. Mai. La mia titubanza si rflette in loro, la loro mano si avvicina incerta e si ritrae. La stringiamo o la poggiamo sul gomito? Il viso si comporta allo stesso modo. Ci baciamo oppure no? E si continua così, a dondolare avanti e indietro per diversi, interminabili, imbarazzantissimi secondi. Esiste un modo per evitare tutto ciò?

Persino al campo, dopo una partita di tennis, la classica stretta di mano finale segno di fair play, è diventata l’ennesima fonte d’ansia e preoccupazione. Vado incontro all’avversario al di là della rete rigida come un pezzo di legno, dubbiosa, perplessa; cerco di intuire, come un portiere che si prepara a parare un rigore, come l’altro piazzerà la sua mano. In alto per stringermi il pollice? O frontale per una stretta classica? Ma è tutto inutile, comunque la metta sbaglio. Il risultato è sempre la classica figura di merda; la mia mano si scontra sull’altra o s’intreccia in modo improbabile e, al solito, vergognoso.

Per fortuna tutto questo non è mai stato un ostacolo troppo grande, un freno per le mie relazioni sociali; sono sempre riuscita a cavarmela pensando che fosse solo una delle mie numerose turbe mentali, ho sempre retto il disagio mascherandolo abilmente.

Fino ad ora.

Da quando, però, ormai tutti mi hanno, più e più volte, crudelmente fatto notare come persino il mio CIAO suoni strano, creandomi un pesante blocco psicologico solo all’idea di pronunciarlo e sbagliare, non so come, la sua prounicia, da quel momento mi è crollato il mondo addosso.

Non so salutare. In nessun modo.

E mi rendo conto, di nuovo, che sono inevitabilmente, inesorabilmente tagliata fuori dal mondo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Saluti e baci.

  1. Miky ha detto:

    Nooo volevo il lieto fine!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...